Cassotti

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Stemma dei Casotti da Mazzoleni Stemmario Camozzi, n. 556

La famiglia Cassotti de Mazzoleni, originaria della Val Imagna, è come dice l’Abate G. Battista Angelini, una delle quattro derivate dal ceppo Mazzoleni. Ebbe una notevole importanza non solo a Bergamo, dove all’inizio del XVI sec. esercitava la mercanzia della seta con rapporti significativi nelle Puglie, nel Regno di Napoli e in Egitto, ma soprattutto nelle Marche, così che in varie occasioni F. Maria della Rovere fu ospite in casa di Paolo e Marsilio Cassotti, e ancora di Carlo nel 1525. Assai rilevante è il loro contributo al rinnovamento, avvenuto soprattutto nel primo decennio del 1500, del Borgo Sant’Antonio, ora via Pignolo, ove la famiglia, suddivisa nei due rami di Antonello e Bertolino, possedeva ben quattro dimore che tuttora, pur con vari passaggi di proprietà e interventi edilizi, sono di rilevante interesse storico e artistico. Possedevano ivi pure una tintoria acquistata dagli Spini, ora scomparsa. Con i Masnada avevano una parentela ed erano anche in società per commerciare nel regno di Napoli.

Nella Chiesa di Santo Spirito, rinnovata in quegli anni con “unitario e moderno disegno” dall’architetto P. Isabello, Bertulino e i suoi figli Zovannino e Bartolomeo avevano commissionato una delle bellissime Cappelle laterali, tuttora esistente con una pala dipinta dal Previtali. Il ramo di Antonello s’era fatto costruire nella Chiesa di S. Maria delle Grazie una cappella decorata con importanti affreschi di Jacopino Signori che furono staccati quando la chiesa fu demolita; la relativa pala d’altare raffigurante una Trasfigurazione dipinta dal Previtali si trova ora a Brera. La loro villa suburbana detta “la Zogna”, sita lungo la roggia Serio, all’inizio dell’attuale via Cardinale Longo, aveva pregevoli affreschi che sono stati staccati e ricuperati quando fu ristrutturata (BB 2a ed. vol. 4, p. 323, riprodotti in BB1a ed: vol. 3, p. 490). La villa era stata venduta agli Albani dal Mag.us Julius nel 1620 e nel sec. ai Suardi.

La famiglia di Gian Maria Cassotti subì un fallimento nel 1530: di questa triste vicenda vi è un carteggio, reperito da Giampiero Tiraboschi, interessantissimo in quanto rivela rapporti d’affari che sembrano quasi attuali.

Negli anni 1565-68 a Bergamo Zuan Antonio, vice Collaterale e Ministro di Camera, collabora con i Capitani veneti che ne fanno le lodi nelle loro relazioni.

Vi sono bellissimi ritratti fatti da Previtali e da Lorenzo Lotto che doveva avere amichevoli rapporti anche con Antonio Agliardi, genero di Zoannino Cassotti, come peraltro si può dedurre dalla notizia che tra i cittadini chiamati a “periziare” un quadro del Lotto (Il Cristo morto in braccio alla Madonna) vi fosse anche Antonio Agliardi. Secondo quanto riferiva G. B. Angelini nel 1720, un dottor Cassotti aveva un bellissimo quadro di Previtali; ancora a fine secolo i Cassotti erano annoverati tra le famiglie con raccolte di dipinti. Un Alberto Cassotti de Mazzoleni sposò Maria Pesenti, vedova di Mafiolo de Bazis.

Nei secoli XVII e XVIII vi furono vari Cassotti Giusdicenti. Giuseppe fu Giacomo (1780-1815) risulta tra i notai bergamaschi.


Arduinio Caissoti nel 1300 capo delle milizie del conte di Ventimiglia diede origine ad un ramo emigrato dei Cassotti, diventato Caissotti, cui appartennero il beato Agostino (1250 † 1323), due Vescovi, un Abate Mitrato, vari valorosi guerrieri e importanti personaggi al servizio di casa Savoia. Questa famiglia si divise in tre linee: di esse, quella dei conti di Chiusano e Cinaglio (1619) e di Pontedassio (1669) e Signori di Pocapaglia e Ventimiglia è tuttora fiorente a Torino, le altre sono estinte.

[GPA, 11 marzo 2008]

Genealogia

Genealogia Cassotti de Mazzoleni

Stemmi

Stemmi famiglia Cassotti

Storia

FRANCESCA CORTESI BOSCO, I coniugi di Lotto all’Ermitage e la loro ‘impresa’ (in Studi per Pietro Zampetti a cura di Ranieri Varese, ed. Il Lavoro Editoriale, 1993, pp. 336-349)

MAURO LUCCO, Portrait of a married couple

Personaggi

Dimore

Villa della Zogna

Palazzo Cassotti Albani Bonomi - Bergamo, via Pignolo, 70

La casa di Zovanino Cassotti - Bergamo, via Pignolo 72

La casa di Bartolomeo e Zovanino Cassotti - Bergamo, via Pignolo 76

Iconografia

Ritratti e dipinti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Documenti

Collezioni