Castello di Cenate Sotto - FASE I

Da EFL - Società Storica Lombarda.

Vai a Lupi

Torna a Castello di Cenate Sotto

Gabriele Medolago – Francesco Macario, IL CASTELLO DI CENATE SOTTO E LA FAMIGLIA LUPI, pp. 32-33:


Ignoriamo cosa esistesse nei secoli più antichi nel luogo in cui ora si trova il castello, si possono solamente formulare ipotesi.

In Italia vi era una antica tradizione di fortificazioni risalenti al periodo bizantino e longobardo , oltre a qualcosa dell’età romana. Fra la fine del IX e quella dell’XI secolo si ebbe una nuova ondata di incastellamenti distinta in due tempi.

Sullo scorcio del IX e nella prima metà del X secolo le condizioni dell’Italia del centro nord erano problematiche per le scorrerie degli Ungari, tanto che, come ricorda Liutprando vescovo di Cremona (962-970/972), “i cristiani erano uccisi e messi in fuga e gli Ungari infierivano in tutto il Regno italico e nessuno osava attenderne l’arrivo se non in luoghi ben fortificati”. Inoltre l’incastellamento nell’alta Italia assunse particolari caratteristiche nell’ambito delle lotte e del frazionamento territoriale del potere. Si realizzavano castelli per evitare l’usurpazione dei propri beni ed altri per sancire nuovi assetti di potere, dato che in un’epoca in cui le braccia erano scarse la necessità di attirare popolazione garantendo migliori condizioni di difesa era un elemento essenziale in ogni politica di potere.

I castelli dei secoli X e XI erano sostanzialmente villaggi o parti fortificate di villaggi. Spesso sorgevano su siti già abitati e talvolta anche parzialmente già fortificati. Solitamente avevano la funzione di proteggere la popolazione, in molti casi erano centro di un distretto giuridico. Una buona parte venne eretta a difesa del centro di una Corte o sul suo terreno.

Spesso i più antichi castelli erano costituiti non da muratura, ma da palizzate in legname e terrapieni, con fossa, siepi e graticci.

Non si ha alcuna notizia diretta dell’esistenza del nostro castello in epoca così antica. Vi sono buone possibilità che fra X ed XI secolo in questo luogo sorgesse un villaggio, forse fortificato con fossati e palizzate, con all’interno abitazioni costruite in buona parte in materiali deperibili. È significativa la presenza all’esterno del castello della chiesa di San Nazario, la cui struttura attuale risale, nelle parti più antiche, alla fine del secolo XI. È interessante notare come sovente nelle immediate vicinanze di castelli (ad esempio Gorlago, Chiuduno, Terzo, Niardo di Trescore, Odiago, Santa Margherita di Marenzo, Sombreno) sorgano chiese, tutte piuttosto antiche, forse sorte come cappelle gentili