Cattaneo de Capitani d'Arzago

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Spreti, II, p. 387
Spreti, II, p. 387

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. II, pp. 387-388:

È un ramo della famiglia De Capitani D’Arzago. Il principe Eugenio di Savoia Carignano, luogotenente generale nei Regi Stati, con D. 15 dic. 1860 concesse a GIOVAN GEROLAMO Cattaneo De Capitani D’Arzago il titolo di marchese con successione primogeniale mascolina.

È iscritta nel Libro d’oro della nobiltà italiana e nell’Elenco nob. uff. col titolo di nobile (mf.), marchese (mpr.), trattamento di Don e Donna in persona di:

† ANTONIO, di Giovan Gerolamo, di Francesco; dei figli di Antonio: CESARE (n. a Milano il 26 luglio 1870), celibe, unico rappresentante della famiglia essendo il fratello GUIDO (n. a Milano, 2 giugno 1873) defunto, improle, il 26 genn. 1920.

v. s. [Vittorio Spreti]


Genealogia

Genealogia Cattaneo de Capitani d'Arzago

Stemmi

ARMA: D’oro all’aquila di nero, coronata del campo, con la campagna bandata di rosso e d’oro.

CIMIERO: L’aquila nascente, coronata d’oro.

La famiglia usa attualmente l’arma: Partito: nel 1° di Cattaneo De Capitani D’Arzago; nel 2° di Schenardi che è: interzato in fascia; nel 1° d’oro all’aquila di nero, coronata del campo; nel 2° d’argento al leone di rosso, assise, appoggiante le zampe anteriori contro una trave scorciata, al naturale, posta in palo; nel 3° di azzurro a quattro sbarre di rosso.

Stemmi famiglia Cattaneo de Capitani d'Arzago

Storia

Personaggi

Dimore

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Documenti

Collezioni

Note