Donizetti

Da EFL - Società Storica Lombarda.

Non fosse per Gaetano Donizetti, nell’800 la famiglia non sarebbe mai uscita dall’anonimato nel quale era ridotta da una condizione modestissima.

Nemmeno il conte Cesare Camozzi Vertova, appassionato studioso di araldica, sicuramente un grande ammiratore del suo concittadino, riuscì a trovare un qualsiasi riferimento al casato dei Donizetti. I genitori Andrea e Domenica Nava, lui sarto e poi portiere, lei tessitrice, erano tanto poveri che Gaetano nacque il 27 novembre del 1797 in una misera abitazione sotterranea in Borgo Canale, a Bergamo alta. Ammesso all’età di 8 anni alle Lezioni Caritatevoli di Musica che Simone Mayr, noto compositore di origine bavarese, aveva da poco istituito.

II suo primo successo fu a Roma, nel 1822, con l’opera Zoraide di Granata.

Passò quindi in altre città, ma è a Napoli che si registrano le tappe più importanti della sua carriera: memorabile il trionfo della Lucia di Lammermoor al teatro San Carlo nel 1835. Ma è anche a Napoli che viene colpito da gravissimi lutti: la morte della moglie e dei figli. Di successo in successo, che gli diedero fama internazionale, Gaetano Donizetti, nel corso del suo soggiorno a Parigi, nel 1844 incomincia ad accusare sintomi sempre più gravi della malattia (c’è chi dice infezione luetica) che lo ridurrà in condizioni pietose e lo condurrà alla morte nel 1848, all’età di 51 anni. Meno noto, ma ebbe ugualmente una singolare carriera artistica, il fratello Giuseppe, che fu maestro di banda e gran dignitario alla corte del sultano a Costantinopoli.


Genealogia

Genealogia Donizetti

Stemmi

Storia

Personaggi

Gaetano Donizetti

Dimore

Iconografia

Ritratti e dipinti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

AA.VV., Cognomi e Famiglie del Bergamasco. Dizionario illustrato. Supplemento a “L’Eco di Bergamo”, Bergamo, Ottobre-Novembre 2000, pp. 74-76:


http://www.treccani.it/enciclopedia/gaetano-donizetti_(Dizionario-Biografico)/

Documenti

Collezioni