Ferrari da Grado

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Spreti vol. III, p. 130

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. III, pp. 130-131:

Famiglia pavese della quale le prime memorie risalgono al 1381 con un GIOVANNI, ufficiale delle strade di Pavia. Diede uomini dotti nelle scienze mediche, giuridiche e notarili. GIOVANNI MATTEO, professore alla Università di Pavia, fu medico del Doge di Genova e delle case principesche di Mantova e di Bologna, autore di varie opere autorevoli. Lasciò erede dei suoi averi l’ospedale della Pietà di S. Matteo alla sua morte che avvenne nel 1465. Un GIOVANNI PAOLO nel 1559 fu cavaliere di Malta. Il generale FEDERICO fu al servizio del granduca di Toscana e lo accompagnò in esilio e nominato feldmaresciallo dell’esercito austriaco, ebbe il titolo di barone dell’impero austriaco. Il tribunale araldico lombardo il 29 marzo 1775 riconobbe la nobiltà a questa famiglia e l’uso dello stemma sopra descritto.

Con D. M. 1909 veniva riconfermata nella nobiltà (mf.) e riconosciuto il trattamento di don e donna a CARLO Ferrari da Grado, di Alessandro, di Carlo, ed iscritto nel Libro d’Oro della Nob. Ital. coi fratelli FRANCESCO e Clara e lo zio GIACOMO, di Carlo.

v. s. [Vittorio Spreti]


Genealogia

Genealogia Ferrari da Grado

Stemmi

ARMA: Partito: nel 1° di rosso al leone d’oro tenente una grata di ferro e attraversato da una fascia d’argento, col capo d’oro caricato di un’aquila coronata di nero; nel 2° di rosso al leone d’oro rivoltato, tenente un calice dello stesso e attraversato da una gemella in fascia d’argento, col capo d’oro caricato di un’aquila coronata di nero.

Stemmi famiglia Ferrari da Grado

Storia

Personaggi

Dimore

Voghera e Genova

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Documenti

Collezioni

Note