Leonino Brembati

Da EFL - Società Storica Lombarda.

(ante 1493 † ante 10 luglio 1533)

[Genealogia]

Vai alla pagina Brembati


Fece costruire 1510 ca. il palazzo in via S. Giacomo 1 a Bergamo, su progetto di Andrea Ziliolo.

È stato recentemente riconosciuto in un notissimo e affascinante personaggio ritratto dal Lotto nell’inverno tra il 1524 e il 1525: l’uomo che regge in mano un piccolo gioiello d’oro raffigurante una zampa di leoncino. L’anello che porta al dito, soprattutto nelle vecchie fotografie, mostra evidenti tracce dello stemma dei Brembati, troncato bianco e nero con una banda rossa. Quindi anche in questa sua opera il Lotto ci offriva le indicazioni per riconoscere il personaggio ritratto, analogamente a quanto aveva fatto con la moglie Lucina inserendo nel quadro il rebus col nome della donna. Nel ritratto vi sono sottili riferimenti e richiami al segno zodiacale del leone e al sole, cui allude la mossa tenda color rosso acceso che fa da sfondo al personaggio, il tutto in contrapposizione alla moglie Lucina, ritratta dal Lotto in una notte illuminata da una sottile falce di luna crescente, dichiarando allo stesso tempo il nome della donna, col celebre rebus, e il suo stato di gravidanza. Peraltro la gravidanza non fu portata a termine oppure il bambino morì in tenera età. Il Michiel ebbe modo di visitare la casa di Leonino e annotò la presenza di un quadretto del Cariani raffigurante il Cristo che porta la croce: «In casa de M. Leonin Brambat - La mezza figura del Cristo che porta la croce in spalla fu de man de Zuan di Busi Bergamasco». La tavoletta è quasi certamente la stessa conservata alla Carrara, firmata appunto da Giovanni Cariani, dove il Cristo presenta una certa somiglianza con il personaggio ritratto dal Lotto. Per Lucina e Leonino Brembati che abitano in affitto in S. Agata nella casa degli eredi di Paolo Zanchi, B.C.B., Estimo Veneto n. 149, elenco del 28 febbraio 1526, f. 10. I testamenti di Leonino sono in A.S.B., notaio Zaccaria Colleoni, cart. 1449, 21 settembre 1528 e notaio Gerolamo S. Pellegrino, cart. 1280, voi. 1519-1530, 7 marzo 1529, f. 291, ivi due testamenti di Luca Brembati. [GIANMARIO PETRÒ, "La casa dei conti Luca e Leonino Brembati in via S. Giacomo 18", tratto da "Sulle tracce di Lorenzo Lotto a Bergamo: amici e committenti", in “Lorenzo Lotto nella Bergamo del ‘500. Riferimenti e immagini della pittura lottesca”, “La Rivista di Bergamo”, Nuova Serie n. 12-13, numero doppio, Gennaio-Giugno 1998, pp. 91-93]


Lorenzo Lotto. Ritratto di Leonino Brembati