Lossetti Mandelli

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Spreti, vol. IV, p. 151
Stemma di Giuseppe Lossetti Mandelli (Spreti, App, parte II, p. 228)

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. IV, pp. 151-152:

I Blardoni sono originarii dell’Ossola Inferiore ed hanno per capostipite un GIACOMO, avo di BERNARDINO, notaio e causidico collegiato, dimorante in Vogogna, già capoluogo di quella valle, padre di PIETRO († 1748), pure giurisperito, che nel 1717 sposò in quel borgo Giuseppa Olimpia Lossetti, figlia di Carlo Vittorio, marchese d’Inveruno († 1711), la quale, ultima di sua famiglia, fu erede dei feudi di Dairago, Inveruno e Furato, di cui, con istrumento 16 maggio 1652 del notaio camerale Francesco Marcantolo, era stato investito, con trasmissione primogeniale maschile e per una femmina una volta tanto, Giambattista Lossetti, che con diploma di Filippo IV, re di Spagna, del 4 agosto 1653, interinato il 25 giugno dell’anno susseguente, veniva decorato del titolo di marchese di Busto Arsizio per maschi primogeniti, titolo che poi, con diploma dello stesso re del 10 settembre 1662, si trasferiva sul feudo d’Inveruno e Villa Cortese. Nel 1778 prese in moglie in secondi voti, Flora Mandelli del conte Giovanni Battista, ultimo rampollo di questa illustre ed antica famiglia ed il figlio loro PIETRO ANTONIO (1789-1864), chiese, ma non ottenne, il titolo di marchese e da Giuseppina Marinoni, di nobile e cospicua casata milanese, ebbe GABRIELE (1821-1886), che aggiunse al proprio i cognomi Lossetti e Mandelli. Questi ebbe tre consorti: Elisa Melzi d’Eril di don Carlo, improle, Leopoldina Alemagna del conte Giuseppe, dalla quale ebbe VITTORIO, morto in giovane età nel 1875 e Carolina Falcone, madre delle attuali rappresentanti della famiglia, estinta per la linea maschile.

La famiglia è iscritta nel Libro d’Oro della Nob. Ital. e nell’El. Uff. Nob. Ital. coi titoli di Nobile (pers.), dei Signori di Dairago, Inveruno e Furato (pers.), in persona di Giuseppa, di Gabriele, di Pietro Antonio.

Sorelle: Ines in Parravicino, Irma in Barbavara di Gravellona.

Cfr. ACA., ASM., Feudi camerali, Famiglie notabili milanesi (Vallardi, 1875), Mandelli, tav. VIII.

a. g. [Alessandro Giulini]


Genealogia

Genealogia Lossetti Mandelli

Stemmi

ARMA: Troncato, semipartito: nel 1° d’oro all’aquila di nero linguata di rosso; nel 2° d’azzurro a due ossa da morto passate in croce di S. Andrea, accantonate da 4 stelle d’oro; nel 3° di rosso a tre leopardi d’oro l’uno sull’altro.

Alias: Partito: nel 1° di rosso ad un mantello di velluto porpora al naturale ripiegato agli angoli superiori, accompagnato in punta da un artiglio di aquila terminante superiormente in serpe d’argento (Blardoni); nel 2° troncato: sopra d’oro all’aquila di nero, coronata del campo, rivoltata; sotto d’azzurro a due ossa di morto decussate e accantonate da quattro stelle di sei raggi, il tutto d’oro. (D M. di Ricon. 22 giugno 1905 a GIUSEPPE, di Gabriele, di Pietro).

MOTTO: Sustinent ossa triumphum.

Stemmi famiglia Lossetti Mandelli

Storia

Personaggi

Dimore

Milano

Sepolture

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Documenti

Collezioni

Note