Mondella

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Spreti, App., Parte II, p. 343

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. IV, p. 647:

Il luogo d’origine di questa famiglia è Mandello in provincia di Como, donde il cognome, che subì poi una variazione.

GIOVANNI de Mandello Mercante viveva in Brescia nel 1430 e così suo figlio BERTOLOTTO, il quale era già morto nel 1469 lasciando il figlio GIOVANNI, che fu padre di ANTONIO DONATO. Da quest’ultimo nacquero LUIGI (n. 1496, m. 1564) noto per la profonda conoscenza delle lettere e di lingue, medico illustre e dotto, e GIOVANNI MARIA, che iniziò nella famiglia la nobile arte dell’orefice; dalla nob. Maddalena Ducco, sua moglie, ebbe dieci figli, dei quali solo LUIGI II (n. 1545 m. 1587) ebbe discendenza e tra questi sono da notare OTTAVIO e GEROLAMO.

Ottavio (n. 1585) si portò in Piemonte, dove, fattosi ben volere dal Duca Carlo Emanuele I, lo servì come suo negoziatore con la Spagna; sotto il regno del Duca Vittorio Amedeo fu a Milano come agente segreto e presso i Ministri di Lombardia. Morto il Duca passò al servizio della Reggente Cristina di Francia che per ricompensarlo dei suoi servigi lo creò cavaliere Mauriziano, costituendo una commenda di quell’Ordine a favore del Mondella nella comunità di Barge. Gerolamo (n. 1587) tolse in moglie nel 1617 la nob. Camilla Federici e fu padre di LUIGI II (n. 1625, m. 1687) che sposò nel 1660 la nob. Cecilia Garbelli da cui, tra altri, GIOVANNI MARIA (n. 1669, m. 1723) marito nel 1704 della nob. Lucia Sala. Il figlio di costoro, LUIGI III (n. 1710) chiese ed ottenne nel 1742 che la propria famiglia venisse ammessa nel Consiglio Generale della nobiltà bresciana. Egli sposò nel 1774 la nob. Barbara Cirimbelli, dalla quale nacque GEROLAMO nel 1759, che fu marito della nob. Lucia Pulusella e padre di ANTONIO (n. 1795, m. 1864). Questi sposò la nob. Bianca di Rosa dalla quale ebbe: Barbara (n. 1827) sp. 1849 il nob. Giuseppe Pontoglio, e due maschi: LUIGI IV e GEROLAMO, dai quali discendono i due rami viventi.

Ramo di Luigi: (n. 1828 † 1894) sp. Anna Dotti da cui: a) Cecilia (n. 1859, m. 1920) in Giovanni Farina; b) Caterina (n. 1867) in dott. Riccardo Fiorini; c) CARLO ANTONIO (n. 2 luglio 1860, † 15 ottobre 1934) marito di Carolina Baroni (n. 1868, m. 1910), dalla quale nacquero: 1) Giuseppina (n. 9 settembre 1894) in ing. Ferruccio Bettoni; 2) Luigina Anna (n. 7 marzo 1896) in dott. Lazzaroni; 3) LUIGI (n. 17 luglio 1898) sp. Emma Olivini; 4) CARLO OTTAVIO (n. 11 settembre 1900) spos. con Ulrica Fattorini; 5) Lucia (n. 16 ottobre 1902); 6) GEROLAMO (n. 16 nov. 1904); 7) IPPOLITO (n. 22 sett. 1907). Ramo di Gerolamo: (n. 1830, m. 1875), sp. Caterina Bordiga da cui: a) ANTONIO (n. 1856, † 1917) sp. Paolina Dorsch dalla quale nacque DONATO (n. 1887) marito di Angela Bozzi, da cui: Caterina (n. 1921) e ANTONIO (n. 1924) e FELICE (n. 1928); b) Bianca (n. 1858) in Zattini; c) Camilla (n. 1860) in G. Uberti; d) ORAZIO (n. 1862, † 1895), spos. con la Contessa Giuseppina Rossi. La famiglia è iscritta nell’Elenco Uff. Nob. Ital. del 1933 col titolo di Nobile (mf.), in persona di Caterina e CARLO, di Luigi, coi figli suoi: Giuseppina, Luigina, LUIGI, CARLO OTTAVIO, Lucia, GIROLAMO e IPPOLITO; DONATO, di Antonio, coi figli Caterina e ANTONIO.

f. l. [Fausto Lechi]


Genealogia

Genealogia Mondella

Stemmi

ARMA: D’azzurro a quindici castagne (in dialetto bresciano «mondoi») d’oro ordinate 1, 2, 3, 4, 5; col capo d’oro all’aquila di nero coronata d’oro.

Stemmi famiglia Mondella

Storia

Personaggi

Dimore

Clusane sul Lago (Brescia), Milano.

Sepolture

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Sitografia

Documenti

Collezioni

Note