Rigo de Righi: differenze tra le versioni

Da EFL - Società Storica Lombarda.
(Creata pagina con " '''VOCE IN VIA DI COMPILAZIONE''' == Genealogia == '''[http://servizi.ct2.it/ssl/webtrees/branches.php?surname=Rigo+de+Righi&ged=ssl Genealogia Rigo de Righi]''' == Ste...")
 
Riga 1: Riga 1:
 +
ARMA: Troncato: nel 1° d’argento all’aquila di nero, armata d’oro e linguata di rosso; nel 2° bardato d’argento e di rosso, le tre bande di rosso cariche ciascuna di una rosa, d’argento, bottonata d’oro.
 +
CIMIERO: Un volo d’argento con l’ala destra a tre sbarre di rosso e l’ala sinistra a tre bande di rosso, le sbarre e le bande cariche ciascuna d’una rosa d’argento, bottonata d’oro.
 +
DIMORA: Milano.
 +
Famiglia oriunda da Peio nel Trentino, passata poi a Bianzone in Valtellina. Con diploma dato a Vienna il 20 novembre 1667 dall’imperatore Leopoldo I ottenne il titolo di nobile del S. R. I. (mf.), titolo concesso ad ANTONIO di Bartolomeo, celebre architetto civile e militare. Antonio sposò in Chiavenna (S. Lorenzo), il 21 luglio 1664, la nobile Elisabetta Casanova del nob. Gio. Battista, di Chiavenna, e ne ebbe GIO. BATTISTA, nato a Bianzone il 28 maggio 1673. Da Gio. Battista e dalla nobile Isabella Quadrio di Chiuro, sua moglie, sortì i natali in Bianzone, il 6 dicembre 1704, ANTONIO GIUSEPPE MARIA, che fu marito di Elisabetta Bruni, figlia di Francesco, e padre di CARLO FRANCESCO (n. a Bianzone il 1° aprile 1740; † ivi, il 3 settembre 1829). Questi si congiunse in matrimonio, in S. Siro di Bianzone, l’8 febbraio 1777, con la nob. Anna Maria Mevio, figlia del nob. Nicola, che gli diede due figli, cioè CARLO FRANCESCO e GIACOMO ANTONIO, dai quali discendono gli attuali membri della famiglia.
 +
La famiglia è iscritta nell’Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano 1933 col titolo di Nobile del S. R. I. per maschi e femmine ed è rappresentata da:
 +
Ramo di CARLO FRANCESCO.
 +
CARLO GIOVANNI, n. Milano 4 luglio 1868, di Gio. Battista (n. Bianzone, 4 giugno 1831; † Milano 9 gennaio 1887; sp. a Milano [S. Nazaro], 15 novembre 1862, con Caterina Lorini), di Carlo Francesco (n. Bianzone, 31 luglio 1786; † ivi 13 settembre 1867; sp. Sondalo 27 maggio 1816 con la nob. Maria Zappa, di Gio. Battista), di Carlo Francesco.
 +
Fratelli: LUIGI, n. Milano 4 giugno 1869. ALCESTE, n. ivi 10 settembre 1875.
 +
Ramo di GIACOMO ANTONIO.
 +
GUIDO, n. Bianzone 4 gennaio 1858, sp. in Sondrio 17 febbraio 1884 con la nob. Emilia Clotilde Pedoia del fu nob. Gerolamo, da Tirano, figlio di Nicola (n. Bianzone 20 dicembre 1827; sp. ivi 4 genn. 1858 con Elisabetta nob. Lambertenghi), di Giacomo Antonio (n. Bianzone 14 novembre 1789; † ivi 23 ottobre 1874; sp. in Teglio 19 luglio 1819 con la nob. Caterina Gatti, di Carlo, da Teglio), di Carlo Francesco.
 +
Sorella: Maria Rachele, n. Milano 27 maggio 1860.
  
 
+
f. f. [Francesco Forte]
 
+
'''VOCE IN VIA DI COMPILAZIONE'''
+
  
  

Versione delle 11:33, 12 lug 2019

ARMA: Troncato: nel 1° d’argento all’aquila di nero, armata d’oro e linguata di rosso; nel 2° bardato d’argento e di rosso, le tre bande di rosso cariche ciascuna di una rosa, d’argento, bottonata d’oro. CIMIERO: Un volo d’argento con l’ala destra a tre sbarre di rosso e l’ala sinistra a tre bande di rosso, le sbarre e le bande cariche ciascuna d’una rosa d’argento, bottonata d’oro. DIMORA: Milano. Famiglia oriunda da Peio nel Trentino, passata poi a Bianzone in Valtellina. Con diploma dato a Vienna il 20 novembre 1667 dall’imperatore Leopoldo I ottenne il titolo di nobile del S. R. I. (mf.), titolo concesso ad ANTONIO di Bartolomeo, celebre architetto civile e militare. Antonio sposò in Chiavenna (S. Lorenzo), il 21 luglio 1664, la nobile Elisabetta Casanova del nob. Gio. Battista, di Chiavenna, e ne ebbe GIO. BATTISTA, nato a Bianzone il 28 maggio 1673. Da Gio. Battista e dalla nobile Isabella Quadrio di Chiuro, sua moglie, sortì i natali in Bianzone, il 6 dicembre 1704, ANTONIO GIUSEPPE MARIA, che fu marito di Elisabetta Bruni, figlia di Francesco, e padre di CARLO FRANCESCO (n. a Bianzone il 1° aprile 1740; † ivi, il 3 settembre 1829). Questi si congiunse in matrimonio, in S. Siro di Bianzone, l’8 febbraio 1777, con la nob. Anna Maria Mevio, figlia del nob. Nicola, che gli diede due figli, cioè CARLO FRANCESCO e GIACOMO ANTONIO, dai quali discendono gli attuali membri della famiglia. La famiglia è iscritta nell’Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano 1933 col titolo di Nobile del S. R. I. per maschi e femmine ed è rappresentata da: Ramo di CARLO FRANCESCO. CARLO GIOVANNI, n. Milano 4 luglio 1868, di Gio. Battista (n. Bianzone, 4 giugno 1831; † Milano 9 gennaio 1887; sp. a Milano [S. Nazaro], 15 novembre 1862, con Caterina Lorini), di Carlo Francesco (n. Bianzone, 31 luglio 1786; † ivi 13 settembre 1867; sp. Sondalo 27 maggio 1816 con la nob. Maria Zappa, di Gio. Battista), di Carlo Francesco. Fratelli: LUIGI, n. Milano 4 giugno 1869. ALCESTE, n. ivi 10 settembre 1875. Ramo di GIACOMO ANTONIO. GUIDO, n. Bianzone 4 gennaio 1858, sp. in Sondrio 17 febbraio 1884 con la nob. Emilia Clotilde Pedoia del fu nob. Gerolamo, da Tirano, figlio di Nicola (n. Bianzone 20 dicembre 1827; sp. ivi 4 genn. 1858 con Elisabetta nob. Lambertenghi), di Giacomo Antonio (n. Bianzone 14 novembre 1789; † ivi 23 ottobre 1874; sp. in Teglio 19 luglio 1819 con la nob. Caterina Gatti, di Carlo, da Teglio), di Carlo Francesco. Sorella: Maria Rachele, n. Milano 27 maggio 1860.

f. f. [Francesco Forte]


Genealogia

Genealogia Rigo de Righi

Stemmi

Stemmi famiglia Rigo de Righi

Storia

Personaggi

Dimore

Sepolture

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Sitografia

Documenti

Collezioni

Note