Sola

Da EFL - Società Storica Lombarda.
Versione del 4 gen 2020 alle 21:40 di Odecarli (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Stemma Sola Cabiati (Spreti, vol. VI, p. 344)

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. VI, p. 344:

SOLA CABIATI

Antica famiglia in remoti tempi detta Sura, Sora, de Soris e in fine Sola. È originaria di Cantù in Brianza ove nella prima metà del XII sec. (1176), viveva un PETRAZIO Sola, notaio, e del quale i pronipoti nel XV sec. si stabilirono in Milano, alla cui cittadinanza furono ascritti con privilegio di Galeazzo Maria Sforza, dato in Pavia l’11 febbraio 1470, e in persona dei fratelli GIOVANNI, PIETRO, BERTOLINO e STEFANO.

Numerosissimi furono i dottori in ambo le leggi, alcuni causidici e notari, consoli di giustizia, sindaci di Milano, dei XII di provisione, deputati alla fabbrica del Duomo, giudici delle vettovaglie, uomini d’arme e uomini di lettere.

I,’imperatore Carlo VI, con suo diploma 17 settembre 1729, conferiva la dignità di conte a ERCOLE, dei probiviri dell’ufficio di acque e strade nel 1723 e del collegio dei giuresperiti nel 1727, e ai suoi figli e discendenti maschi e legittimi per ordine di primogenitura. Questi, coi figli e gli abiatici, nel 1769 fu incluso nel ruolo dei patrizi milanesi. CARLO, di Cristoforo, nipote del nominato Ercole, con Sovr. Risol. del 13 novembre 1816, fu confermato nel titolo comitale per sé e discendenti maschi in ordine di primogenitura e fu autorizzato all’aggiunta del cognome Cabiati.

Il predetto conte Carlo (n. 13 giugno 1761, † 12 luglio 1823), dal suo matrimonio con la nobile Francesca Maria del conte Giambattista Meda, ebbe CRISTOFORO (n. a Milano il 30 agosto 1804, † 2 luglio 1884), che lasciò chiara fama di sé e luminosa prova del suo genio poetico in un volume dei suoi Scritti vari che furono stampati dal Brigola nel 1878. Il conte Cristoforo dalla moglie Amalia Spech, figlia di Andrea, nobile ungherese, cavaliere dell’Impero Austriaco, e di Costanza Canziani, sposata il 19 luglio 1841, ebbe ANDREA (n. Milano il 9 settembre 1844, † Algeri il 30 aprile 1908), che fu deputato al parlamento, cav. d’On. e Dev. del S. M. O. di Malta, comm. dell’Ordine del Cristo di Portogallo, membro della Società storica lombarda, ecc. Dal suo matrimonio (24 aprile 1872, con la nobile Antonietta, di Lodovico Busca Arconati Visconti, nacquero gli attuali rappresentanti la famiglia.

La famiglia è iscritta nell’El. Uff. Ital. coi titoli di conte (mpr.), patrizio milanese (m.), trattamento di don e donna, in persona di GIAN LODOVICO, di Andrea, di Cristoforo, di Carlo, n. a Milano il 21 giugno 1877, sposato a Milano nel 1905 con Alberica, dei marchesi Stanga Trecco.

Figli: Amalia, n. 22 marzo 1906; Eleonora, n. 19 giugno 1907; Andreina Clementina, n. 11 settembre 1908; Antonietta, n. 29 dicembre 1911.

Fratello: PIER LUIGI, n. 12 giugno 1884

v. s. [Vittorio Spreti]


Genealogia

Genealogia Sola

Genealogia Sola Cabiati

Stemmi

SOLA CABIATI

ARMA: D’argento orlato di rosso a tre suole di scarpa di nero, le superiori alternate a tre soli ordinati in fascia e l’inferiore accompagnata da tre stelle di otto raggi, due ai lati ed una in punta, il tutto d’oro (Archivio Stato Milano - Codice Araldico, - pag. 236).

CIMIERO: Un veltro nascente.

MOTTO: Vigilans et fidelis.

Stemmi famiglia Sola

Storia

Personaggi

Dimore

Milano

Sepolture

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

http://verbanensia.org/biografie.asp?action=O&tipo=2

Sitografia

Documenti

Collezioni

Note