Spinelli

Da EFL - Società Storica Lombarda.

Famiglia il cui nome risulta nel Mozzi. È preveniente da Gromo e Clusone ma presente anche a Spino al Brembo da dove derivano nel 1564 i gioiellieri attivi a Venezia Le cronache ricordano già nel 1413 un Simone Spinelli, podestà della valle Seriana.

A Bergamo operò nel ‘500 Andrea chirurgo che abitava in borgo San Leonardo.

Nel 600 ebbero casa in S. Defendente costruita su una proprietà già Agosti Nel Settecento Paolo fu podestà e capitano di Bergamo, mentre Giovanni Battista di Comenduno (1822+1893) fu capitano del corpo di volontari bergamaschi nella guerra del 1848.

Tra le altre nobili linee del casato diffuse in Italia emerge per fama quella fiorente a Napoli sin dall’XI secolo. Ottenne nel corso dei secoli il governo di baronie, contee, marchesati, ducati e principati. Numerosi i prelati che diede alla Chiesa: fra questi Vincenzo, vescovo di Oppido nel 1564, Filippo, vescovo di Aversa poi cardinale nel 1605, Antonio, vescovo di Melfi nel 1697, Emanuele, vescovo di Catanzaro nel 1724, e Giuseppe, cardinale di Napoli nel 1785.

Merita d’essere ricordato il pittore G. Battista, figlio di Santo, nato nel 1581 e trasferitosi a Chieti con la famiglia nel 1628 . Si sa poco dalla sua attività, se non che dipinse a Ortona nel 1630 e a Lanciano nel 1658

In tempi più recenti G. Battista (1822†1893) partecipò come capitano del corpo dei Volontari ai combattimenti del 1848-49 e ne lasciò una cronaca; poi si laureò in Medicina, fu ufficiale medico e poi Medico condotto a Desenzano e fu anche Sindaco , Giudice Conciliatore e Cavaliere della Corona d’Italia. Il Sacerdote don Francesco, insegnante in Seminario e nel Collegio S. Alessandro, verso il 1890 acquistò una filanda in Borgo S.ta Caterina dove insediò come operaie le orfanelle delle suore Sacramentine. Licurgo avviò una tipografia e Marco affittò botteghe in fiera alla dita Gaffuri e Gatti.

Abramo (1855†1924), pittore, fu autore degli affreschi in S. Maria delle Grazie e ritrattista e protagonista nel 1922 di una gustosa burla.

Con Gio. Battista (1644†1688) e suo figlio Vincenzo ebbe origine il ramo che divenne Carrara Spinelli. [GPA]

Genealogia

Genealogia Spinelli

Storia

Personaggi

Dimore

Iconografia

Ritratti e dipinti

Archivio fotografico

Fonti

Giampiero Tiraboschi - ANAGRAFE DELLE PERSONE DELL’ALBINESE incontrate in documenti del XV – XVII secolo


Presso la Biblioteca Civica 'A. Maj' di Bergamo sono conservate le pergamene relative alle seguenti persone (per maggiori dettagli vai al sito):

Spinelli Maffiolo fu Franceschino, di Clusone, 1463 perg 0206

Bibliografia

Documenti

Collezioni