Tosi (Milano): differenze tra le versioni

Da EFL - Società Storica Lombarda.
(Creata pagina con "ARMA: Partito: nel 1° troncato: sopra di azzurro al sole raggiante d’oro; sotto d’argento al ramo di rosa fiorito di tre e fogliato al naturale, sormontato da una palomba...")
 
(Una versione intermedia di uno stesso utente non sono mostrate )
Riga 1: Riga 1:
ARMA: Partito: nel 1° troncato: sopra di azzurro al sole raggiante d’oro; sotto d’argento al ramo di rosa fiorito di tre e fogliato al naturale, sormontato da una palomba in volo, con la fascia d’oro sulla partizione caricata di tre rose araldiche di rosso; nel 2°: d’argento al cavallo spaventato di rosso sormontato da tre stelle di sei raggi d’azzurro, 1 e 2.
+
[[Immagine:Tosi (Spreti).jpg|thumb|Spreti, vol. VI, p. 686]]
DIMORA: Roma.
+
'''Vittorio Spreti, ''Enciclopedia storico-nobiliare italiana'', Milano, 1928-32, vol. VI, p. 686:'''
 +
 
 
Famiglia originaria da Milano, trapiantatasi a Roma fin dal secolo XVI. Conta vari personaggi, resisi noti nella storia per aver preso parte ad importanti fatti d’armi e per aver ricoperto alti uffici di dignità. GIOVANNI BATTISTA, detto il Capitano Palombara, colonnello di S. R. C. e vincitore del Torneo di Belvedere (1565), combattè sotto il comando di Pompeo Colonna contro i Turchi a Malta e con Giacomo Boncompagni a Piperno, Sezze, Velletri ed altri luoghi, finché nel 1582 fu nominato da Virginio Orsini suo luogotenente generale nel Ducato dell’Amatrice; MARIO, cavaliere aurato e dottore in «utroque», fu alfiere di S. R. C. al Conclave di San Pio V; GIUSEPPE, lancia spezzata di Clemente IX; PIETRO PAOLO, giudice collaterale del Campidoglio, nel 1770 creato cavaliere aurato e conte palatino; LUIGI nel 1801 aggregato con tutti i suoi discendenti al patriziato sabino.
 
Famiglia originaria da Milano, trapiantatasi a Roma fin dal secolo XVI. Conta vari personaggi, resisi noti nella storia per aver preso parte ad importanti fatti d’armi e per aver ricoperto alti uffici di dignità. GIOVANNI BATTISTA, detto il Capitano Palombara, colonnello di S. R. C. e vincitore del Torneo di Belvedere (1565), combattè sotto il comando di Pompeo Colonna contro i Turchi a Malta e con Giacomo Boncompagni a Piperno, Sezze, Velletri ed altri luoghi, finché nel 1582 fu nominato da Virginio Orsini suo luogotenente generale nel Ducato dell’Amatrice; MARIO, cavaliere aurato e dottore in «utroque», fu alfiere di S. R. C. al Conclave di San Pio V; GIUSEPPE, lancia spezzata di Clemente IX; PIETRO PAOLO, giudice collaterale del Campidoglio, nel 1770 creato cavaliere aurato e conte palatino; LUIGI nel 1801 aggregato con tutti i suoi discendenti al patriziato sabino.
 +
 
La famiglia è iscritta nel Libro d’Oro della Nob. Ital. e nell’Elenco Uff. Nob. Ital. col titolo di patrizio sabino (mf.), in persona di PIETRO PAOLO, di Giuseppe, di Gaetano, di Luigi.
 
La famiglia è iscritta nel Libro d’Oro della Nob. Ital. e nell’Elenco Uff. Nob. Ital. col titolo di patrizio sabino (mf.), in persona di PIETRO PAOLO, di Giuseppe, di Gaetano, di Luigi.
 +
 
Fratelli: Adele, Francesca, Teresa in Del Pero Pardi e RODOLFO (†).
 
Fratelli: Adele, Francesca, Teresa in Del Pero Pardi e RODOLFO (†).
 +
 
Figlie di Rodolfo: Adriana e Bianca.
 
Figlie di Rodolfo: Adriana e Bianca.
Altro ramo.
+
 
 +
'''Altro ramo'''
 +
 
 
ATTILIO, di Luigi, di Gaetano, di Luigi.
 
ATTILIO, di Luigi, di Gaetano, di Luigi.
 +
 
Fratelli: CARLO e MARIO, dott. in giurisprudenza, cancelliere della Consulta Araldica del Regno, grand’ufficiale dell’Ordine del S. Sepolcro di Gerusalemme, comm. della Corona d’Italia, ecc.
 
Fratelli: CARLO e MARIO, dott. in giurisprudenza, cancelliere della Consulta Araldica del Regno, grand’ufficiale dell’Ordine del S. Sepolcro di Gerusalemme, comm. della Corona d’Italia, ecc.
 +
 
Figli di Carlo: LUIGI, GIUSEPPE e Beatrice.
 
Figli di Carlo: LUIGI, GIUSEPPE e Beatrice.
 +
 
Figlio di Mario: GUSTAVO.
 
Figlio di Mario: GUSTAVO.
Altro ramo.
+
 
 +
'''Altro ramo'''
 +
 
 
MARIO, di Filippo, di Mario, di Luigi.
 
MARIO, di Filippo, di Mario, di Luigi.
 +
 
Sorelle: Francesca e Maria.
 
Sorelle: Francesca e Maria.
  
 
e. p. u. [Edoardo Persichetti Ugolini]
 
e. p. u. [Edoardo Persichetti Ugolini]
 +
 +
 +
== Genealogia ==
 +
 +
'''[http://servizi.ct2.it/ssl/webtrees/branches.php?surname=Tosi&ged=ssl Genealogia Tosi]'''
 +
 +
== Stemmi==
 +
 +
ARMA: Partito: nel 1° troncato: sopra di azzurro al sole raggiante d’oro; sotto d’argento al ramo di rosa fiorito di tre e fogliato al naturale, sormontato da una palomba in volo, con la fascia d’oro sulla partizione caricata di tre rose araldiche di rosso; nel 2°: d’argento al cavallo spaventato di rosso sormontato da tre stelle di sei raggi d’azzurro, 1 e 2.
 +
 +
'''[[Stemmi famiglia Tosi]]'''
 +
 +
== Storia ==
 +
 +
== Personaggi ==
 +
 +
== Dimore ==
 +
 +
Roma
 +
 +
== Sepolture ==
 +
 +
== Iconografia ==
 +
 +
===[[Tosi. Dipinti e Ritratti|Dipinti e Ritratti]]===
 +
 +
===[[Tosi. Archivio fotografico|Archivio fotografico]]===
 +
 +
== Fonti ==
 +
 +
== Bibliografia ==
 +
 +
== Sitografia ==
 +
 +
== Documenti ==
 +
 +
== Collezioni ==
 +
 +
== Note==

Versione delle 13:04, 26 mar 2020

Spreti, vol. VI, p. 686

Vittorio Spreti, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-32, vol. VI, p. 686:

Famiglia originaria da Milano, trapiantatasi a Roma fin dal secolo XVI. Conta vari personaggi, resisi noti nella storia per aver preso parte ad importanti fatti d’armi e per aver ricoperto alti uffici di dignità. GIOVANNI BATTISTA, detto il Capitano Palombara, colonnello di S. R. C. e vincitore del Torneo di Belvedere (1565), combattè sotto il comando di Pompeo Colonna contro i Turchi a Malta e con Giacomo Boncompagni a Piperno, Sezze, Velletri ed altri luoghi, finché nel 1582 fu nominato da Virginio Orsini suo luogotenente generale nel Ducato dell’Amatrice; MARIO, cavaliere aurato e dottore in «utroque», fu alfiere di S. R. C. al Conclave di San Pio V; GIUSEPPE, lancia spezzata di Clemente IX; PIETRO PAOLO, giudice collaterale del Campidoglio, nel 1770 creato cavaliere aurato e conte palatino; LUIGI nel 1801 aggregato con tutti i suoi discendenti al patriziato sabino.

La famiglia è iscritta nel Libro d’Oro della Nob. Ital. e nell’Elenco Uff. Nob. Ital. col titolo di patrizio sabino (mf.), in persona di PIETRO PAOLO, di Giuseppe, di Gaetano, di Luigi.

Fratelli: Adele, Francesca, Teresa in Del Pero Pardi e RODOLFO (†).

Figlie di Rodolfo: Adriana e Bianca.

Altro ramo

ATTILIO, di Luigi, di Gaetano, di Luigi.

Fratelli: CARLO e MARIO, dott. in giurisprudenza, cancelliere della Consulta Araldica del Regno, grand’ufficiale dell’Ordine del S. Sepolcro di Gerusalemme, comm. della Corona d’Italia, ecc.

Figli di Carlo: LUIGI, GIUSEPPE e Beatrice.

Figlio di Mario: GUSTAVO.

Altro ramo

MARIO, di Filippo, di Mario, di Luigi.

Sorelle: Francesca e Maria.

e. p. u. [Edoardo Persichetti Ugolini]


Genealogia

Genealogia Tosi

Stemmi

ARMA: Partito: nel 1° troncato: sopra di azzurro al sole raggiante d’oro; sotto d’argento al ramo di rosa fiorito di tre e fogliato al naturale, sormontato da una palomba in volo, con la fascia d’oro sulla partizione caricata di tre rose araldiche di rosso; nel 2°: d’argento al cavallo spaventato di rosso sormontato da tre stelle di sei raggi d’azzurro, 1 e 2.

Stemmi famiglia Tosi

Storia

Personaggi

Dimore

Roma

Sepolture

Iconografia

Dipinti e Ritratti

Archivio fotografico

Fonti

Bibliografia

Sitografia

Documenti

Collezioni

Note